Il presbiterio e il trono di Gesù Bambino

Cliccare sull’immagine per ingrandire

Dal centro della chiesa possiamo ammirare l’insieme del presbiterio-trono-abside.

Il nuovo presbiterio, riadattato nel 1991, è stato realizzato interamente in marmo Rosa di Portogallo e Rosso di Francia, inglobato in un’ampia pedana semicircolare. L’altare recupera l’artistico paliotto di quello precedente, con quattro statue bronzee raffiguranti (da sinistra a destra) S. Elia, S. Teresa di Gesù, S. Giovanni della Croce e S. Alberto di Gerusalemme; tra le sculture vi sono tre bassorilievi in argento, opera di Chiaravalli e Scalaffa di Milano, che raffigurano la benedizione della corona da parte del Papa Pio XI (a sinistra), Gesù Bambino in gloria (al centro) e l’incoronazione della statua (a destra). All’interno dell’Altare, oltre alle reliquie, si trovano delle pietre provenienti da Betlemme e Nazareth. L’ambone, realizzato in forme semplici e geometriche, riporta le formelle dei quattro evangelisti, riprese dalle decorazioni dell’antico altare. Il tabernacolo di forma cilindrica è posto in una nicchia semicircolare verticale ed è stato realizzato in bronzo dorato con il simbolo del “crismon” scolpito sulla porticina. La lampada di Gesù Bambino, alimentata dall’olio benedetto, è posta su un piedistallo circolare addossato ad un pilastro del presbiterio.

Dietro l’altare si erge il trono di Gesù Bambino, opera dell’arch. Ferrari di Genova: è un’opera monumentale, di grande pregio. Degne di nota le due statue di angeli oranti in marmo, le dodici colonne in alabrastro che sorreggono la cupola dorata e i dieci scalini che conducono al punto centrale del trono, dove si trova la statua lignea di Gesù Bambino, rivestita abitualmente di un manto regale rosso.

Nella volta spicca un grande ovale del Marigliani raffigurante un angelo che regge lo scudo con il monogramma di Gesù.

Sul presbiterio si affacciano due vetrate raffiguranti S. Anna con Maria Bambina (a sinistra) e la S. Famiglia con S. Anna e Giovanni Battista (a destra); anche queste sono opera della Balmet.

Il transetto lato monte »